CENTRO STUDI ARITMIE

Le aritmie: conoscerle per curarle

  • settembre: 2012
    L M M G V S D
    « ago   ott »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
  • Visitatori

    • 203,101 visitatori dal 01/09/2011

ARITMIA EXTRASISTOLICA VENTRICOLARE BENIGNA

Posted by centro studi aritmie su 12/09/2012

DOMANDA DA: Bruno

Ho 57 anni pressione 115/70 e analisi del sangue tutto ok tranne colesterolo totale 260 e HDL 95. Professione insegnante. Soffro di extrasistole ho fatto recentemente un ECG HOLTER con questi commenti: ritmo sinusale persistente, con fisiologiche oscilazioni della frequenza cardiaca.
Normale il tempo di conduzione A-V.
Non pause.
Extrasistolia sopraventricolare di modestissima entità, ma con 2 brevi salve in sequenza tachicardica (max 12 complessi).
Extrasistolia ventricolare polimorfa di entità elevata, con numerose coppie.
Non significative modificazioni della fase di ripolarizzazione ventricolare.
Ecocardiogramma:
la cinesi globale e segmentaria del ventricolo sinistro è normale.
L’atrio destro è normale; il ventricolo destro è normale.
Non sono visibili immagini di masse endocavitarie.
Assente versamento pericardico.
Normali dimensioni delle cavità cardiache.
Ventricolo sx con normale funzione sistolica. Lembo mitralico anteriore ispessito; insufficienza lieve, Normale morfologia e flussi dei restanti apparati valvolari.
Test ergometrico:
prova massimale negativa per ischemia da sforzo, tolleranza allo sforzo normale, adeguamento frequenza cardiaca normale, adeguamento valori pressori normale, aritmie extrasistoli ventricolari bimorfe, con una morfologia prevalente. Note: presenti durante il test (circa 10/min con tratti di bigeminimismo). Dal 9 al 3 min di recupero sono scomparse.
Il cardiologo non mi ha prescritto farmaci, tuttavia il fenomeno è fastidioso e spesso insopportamile.
Cosa mi consiglia di fare per risolvere il problrma?
Grazie.

RISPOSTA:

Da come descrive la sua situazione, sembra effettivamente di poter definire l’aritmia come di tipo “benigno”; come tale di solito non necessita di trattamento. Naturalmente, se l’aritmia è fastidiosa, qualcosa bisogna fare. Sarà il cardiologo, sulla base dei suoi sintomi, che sceglierà il trattamento che le possa dare benessere, cominciando dai farmaci più tranquilli e meglio tollerati. Provi a insistere.

About these ads

Al momento l'inserimento di commenti non è consentito.

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 51 follower